differenza-cartizze-prosecco

Differenza tra Prosecco e Cartizze

Differenza tra Prosecco e Cartizze

Prosecco e Cartizze vengono spesso usati come sinonimi, ma bisogna fare molta attenzione.
Il Cartizze è in effetti un Prosecco, ma non tutti i Prosecchi sono Cartizze!
È una questione di territorio: un Prosecco può essere DOC, DOCG o Cartizze in base al territorio dal quale proviene l’uva.

Doc Docg - Pdc Cartizze - Prosecco superiore di Valdobbiadene

Andiamo con ordine: il Prosecco DOC è un vino bianco prodotto in un territorio vasto che comprende parte del Veneto e del Friuli-Venezia Giulia.
All’interno di questo territorio, nella zona collinare trevigiana, vengono prodotti il Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene DOCG e il Colli Asolani-Prosecco DOCG.

In questo contesto, il Cartizze dove si inserisce?
Il Cartizze, la cui denominazione completa è Valdobbiadene DOCG Superiore di Cartizze, è il “Grand Cru” del Prosecco.
Viene prodotto in un’area ristretta di circa 107 ettari contenuta nell’area del Prosecco DOCG.

Questa zona, a forma di Pentagono, si distingue per quanto riguarda esposizione solare, ventilazione, terreno e escursione termica.
PDC è l’unica Azienda Agricola specializzata nella sola produzione di uva e Vino Spumante DOCG Valdobbiadene Superiore di Cartizze.

Per saperne di più sul Cartizze, clicca qui.



Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche:
  • In Italia, i vini prodotti sotto i disciplinari DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) sono rigidamente controllati e regolamentati da ferree normative: sono anche considerati i vini più prestigiosi della nazione. Vale anche nel caso del prosecco....

  • Nel mesi di Novembre e Dicembre il nostro piccolo stivale si prepara alle festività, vestendo colorati addobbi e presentando suggestivi mercatini di Natale. Anche il Veneto, questa nostra splendida regione, accoglie visitatori e non tra piazze e strade gremite di affascinanti bancarelle, che espongono prodotti a tema natalizio. Tra le......

  • Fino alla fine del XIX secolo l’unico metodo utilizzato per la produzione di vini bianchi Spumanti era il Metodo Classico, anche conosciuto come metodo Champenoise in quanto impiegato nella produzione di Champagne. Nel 1890 il direttore dell’Istituto Sperimentale d’Asti, Federico Martinotti, studiò una rifermentazione non più in bottiglia bensì controllata all’interno di grandi recipienti....