Decanter vino: scopri a cosa serve e quando un vino va decantato

Decanter vino

: scopri a cosa serve e quando un vino va decantato

La decantazione è un’operazione che permette di degustare al meglio alcuni vini; questa consiste nel semplice atto di versare il vino in una specifica caraffa, di forma particolare, chiamata “Decanter”, solitamente a forma di ampolla o anfora, realizzata in vetro o in cristallo, quasi piatta sul fondo e con un lungo collo.

Decantare un vino porta a diversi cambiamenti nella struttura organolettica e per questo possiamo dire che la necessità e il risultato che otteniamo tramite la decantazione dipendono esclusivamente dalla tipologia di vino. Possiamo però individuare due principali ragioni per le quali si decide di versare il vino in Decanter: la prima è l’ossigenazione, con questa si arriva ad un’apertura  del bouquet aromatico e si riduce l’astringenza del tannino nei vini giovani. In secondo luogo si ottiene l’eliminazione dei sedimenti presenti in bottiglia, che si trovano in vini che hanno fatto un periodo lungo invecchiamento in bottiglia.

Vini frizzanti e in particolare vini spumanti non devono essere decantati perché non richiedono ossigenazione, che porterebbe alla riduzione dell’anidride carbonica e che potrebbe andare a rovinare la bollicina se troppo prolungata. Quando parliamo di vini da decantare si fa generalmente riferimento a vini rossi maturi, di lungo invecchiamento, che richiedono sia l’esposizione all’ossigeno sia la separazione del vino dai sedimenti presenti in bottiglia. Alcuni vini rossi giovani vengono esposti sufficientemente all’ossigeno possono essere degustati prima del tempo, l’ossigenazione permette infatti di smussare ed ammorbidire i tipici tannini giovani, rendendo questi vini più adatti ad una piacevole degustazione.

Concludendo non è sempre assolutamente necessario decantare un vino, a volte è più che sufficiente versare il vino nel calice per poter gustare e scoprire un ottimo vino.